Vuoi aprire un ecommerce? Ecco a cosa devi pensare!

Vuoi aprire un ecommerce? Ecco a cosa devi pensare!

I 5 punti a cui devi pensare prima di aprire un e-commerce

  1. Nome del dominio
    Il punto di partenza per qualsiasi sito web (e-commerce o “semplice” sito aziendale) è indubbiamente la scelta del nome del dominio che rappresenterà la tua attività commerciale. Si tratta di un’operazione a cui dovrai prestare particolare attenzione: il dominio sarà infatti uno degli elementi distintivi della tua impresa. Verifica che il nome prescelto per la tua azienda sia libero per essere utilizzato come dominio. Qualora non fosse disponibile, potrai selezionarne uno che fa al caso tuo tra quelli disponibili oppure in casi estremi cambiare il nome della tua azienda se non ancora avviata (sembra assurdo ma Google si chiama così perché il nome originale scelto non era disponibile come dominio). Ricorda che il nome deve avere caratteristiche precise per funzionare: la clientela deve poterlo memorizzare facilmente ed è meglio se compie una funzione descrittiva dell’attività svolta. Presta infine attenzione all’estensione del dominio: se vuoi un dominio nazionale punta su .it (per l’Italia) oppure .ch (per la Svizzera), se invece vuoi qualcosa di internazionale .com o .net sono l’ideale. L’estensione non identifica solamente la nazionalità di un sito, ma indica anche lo scopo di tale portale.
  2. Analisi di mercato
    Che si tratti dell’inizio di un nuovo business oppure del desiderio di aprire uno store online di un’attività già avviata offline, il primo passo è senza ombra di dubbio fare un’analisi di mercato per capire chi e quanti sono i tuoi competitors. Il primo passo è verificare che online ci sia domanda per il prodotto che vuoi offrire ai tuoi clienti (se nessuno cerca online quello che vendi potrebbe essere difficile rendere renumerativo un e-commerce). Qualora la tua idea incontri i gusti degli utenti, dovrai valutare quanto il mercato in tale campo sia saturo e quanto margine ci sia ancora per l’inserimento di una nuova azienda e quali sono i tuoi diretti competitors (se ad esempio vuoi vendere scarpe online sei in grado di competere con Zalando?). Se tutte le fase dell’analisi  di mercato daranno esito positivo potrai passare alla creazione vera e propria del tuo e-commerce.
  3. Creazione del sito web
    Lo step successivo consisterà nella realizzazione del portale di vendita online vero e proprio. Devi considerare che non tutti gli utenti che visiteranno il tuo portale saranno esperti della Rete, dovrai pensare quindi a un sito a prova di principianti,  inoltre il processo di acquisto deve essere rapido e semplice: è risaputo che più passa il tempo tra la decisione e il momento vero e proprio di comprare, più il cliente può trovare scuse per non effettuare l’acquisto. Per un commercio online risulta inoltre fondamentale puntare molto sull’aspetto estetico complessivo: i clienti non possono provare abiti o calzature, testare con mano la qualità di un oggetto o valutare l’intensità del colore del prodotto. Crea quindi delle schede prodotti con immagini accattivanti e di qualità che integrino in maniera perfetta alla descrizione che deve essere quanto mai esaustiva e completa. Per agevolare un maggiore numero di utenti pensa poi di rendere possibile il pagamento con diversi mezzi: contrassegno, circuito Paypal, carta di credito e bonifico bancario sono i principali canali di pagamento che non puoi proprio escludere.
  4. Servizio di assistenza pre/post vendita
    Un aspetto da non sottovalutare e da prendere in seria considerazione è la gestione della clientela: qualora gli utenti dovessero aver bisogno di un aiuto concreto prima di acquistare un prodotto sul tuo e-commerce, oppure avessero bisogno di un semplice suggerimento professionale o vogliano esporre le proprie rimostranze per un’esperienza di acquisto non soddisfacente ci dovrà essere un servizio clienti efficiente, esperto, preparato e gentile. Pensa poi a fornire questo servizio di assistenza attraverso diversi canali: chat, email, social network e il tradizionale servizio di assistenza telefonico.
  5. Campagne di marketing digitale
    Una volta che l’e-commerce è pronto dovrai fare sapere ai tuoi potenziali clienti che esiste! E’ fondamentale promuovere l’e-commerce in Rete. Dovrai stabilire un budget che vuoi riservare a campagne a pagamento (come quelle proposte da Google, Facebook), per consulenti che ti aiutino ad elaborare le migliori strategie per far crescere credibilità e popolarità del tuo commercio online. Ti consigliamo inoltre di attivare campagne di social media marketing: attraverso i social puoi infatti avere un contatto diretto con la clientela ed allargare il bacino di utenza che si può approcciare al tuo brand, aumentando la visibilità del tuo e-commerce. Infine prevedi un sistema di newsletter per invogliare chi ha già effettuato un acquisto sul tuo sito a tornare per acquistare nuovamente i tuoi prodotti.

Scopri la nostra proposta di e-commerce pronto all’uso: Hextracommerce